GLOSSARIO DELL’INTERNET MARKETING: TERMINI E SIGNIFICATO

GLOSSARIO DELL’INTERNET MARKETING: TERMINI E SIGNIFICATO

PPC? Advertising? CPM? Quante volte hai letto qualche termine che ti sembrava così difficile e impossibile da capire? Nell’internet marketing esistono diversi termini, fondamentali e che non tutti conoscono. In questo articolo ho raccolto i termini maggiormente utilizzati (in ordine alfabetico) che potrai così studiare e consultare ogni volta che avrai dubbi.

Questo servirà di aiuto a tutti coloro che partono da zero nel settore del digital marketing o hanno difficoltà con alcuni termini e il loro significato. Vediamo insieme dalla A alla Z tutti i termini:

Termini che iniziano con la lettera A:

  • ADWORDS: servizio pubblicitario offerto da Google. Puoi acquistare spazi pubblicitari all’interno delle pagine di ricerche di Google. Oltre agli annunci non a pagamento, verranno visualizzati annunci creati da persone che stanno pagando per raggiungere i loro potenziali clienti.

 

  • AFFILIATE MARKETING: si potrebbe aprire un capitolo unico, ma in breve l’affiliate marketing non è altro che la vendita di prodotti e servizi di terzi. Questo tipo di marketing permette di collaborare tra persone o aziende. L’azienda (o il privato) mette a disposizione il prodotto o servizio e tu puoi promuoverlo guadagnando una commissione in base a quanto stabilito dall’azienda o dal privato.

 

  • AUTORESPONDER: in italiano viene chiamato “autorisponditore” e si tratta di un servizio finalizzato alla raccolta dati degli utenti (come l’email) fino all’invio di newsletter di massa.

 

  • ADSENSE : servizio offerto da Google per chi possiede un sito o un blog. Permette di inserire banner pubblicitari nel proprio sito e guadagnare una commissione in base ai click ricevuti.

 

  • ADVERTISING: sostantivo di pubblicità. E’ un modo di sponsorizzare il proprio business online. Gli annunci pubblicitari online vengono chiamati con il termine ADS. Viene diviso in: FREE ADVERTISING (pubblicità gratuita) o PAID ADVERTISING (pubblicità a pagamento).

 

  • ALGORITMO: un algoritmo non è altro che una semplice procedura che tenta di risolvere un determinato problema applicando un certo numero di passi elementari. Analogamente, in informatica, un algoritmo non è altro che un semplice procedimento che permette la risoluzione di specifici problemi mediante l’applicazione di una sequenza finita di precise istruzioni che, a loro volta, devono essere interpretate ed eseguite fino alla loro conclusione seguendo un ben preciso ordine. (fonte: informaticapertutti.it)

 

  • ANALYTICS: servizio offerto da Google che permette di analizzare in modo dettagliato i comportamenti degli utenti che visitano un sito web.

 

Termini che iniziano con la lettera B:

  • B2B: business to business

 

  • B2C: business to cunsumer

 

  • BANNER: “striscia” pubblicitaria inserita in un sito web che indirizza ad un’altra pagina web.

 

  • BRAND AWARNESS: metodo di valutazione della notorietà di una marca

 

  • BACKLINKS: collegamenti da alcuni siti che riportano al link del tuo sito web (o determinate pagine). Avete presente quando un sito vi consiglia o parla di voi e inserisce il vostro link? Ecco, questo potrebbe essere un esempio di backlinks.

 

  • BLOG: rivisitazione del sito web classico a pagine uniche con contenuti unici. Il blog spesso è formato da più pagine web e contenuti che vengono pubblicati periodicamente da una o più persone.

 

  • BID: si tratta di quanto dobbiamo pagare per far sì che la nostra parola chiave venga posizionata in modo tale da essere trovata dai nostri utenti. “Bid per click” è l’offerta che siamo disposti a pagare per ogni click ricevuto sul nostro annuncio pubblicitario.

 

  • BOUNCE RATE: in italiano significa letteralmente “frequenza di rimbalzo” e viene utilizzato nelle analisi di siti web per monitorare l’abbandono degli utenti del sito. Se viene indicato nell’email marketing, prende il significato di “email rimbalzate”, ovvero quante email, sul numero inviato, tornano indietro. Potrebbe accadere se sono email fasulle o digitate in maniera errata.

Termini con la lettera C:

  • CONTENT MARKETING: il content marketing viene utilizzato per generare contatti e vendite attraverso il contenuto (post social, articoli del blog, video,etc..). Le strategie di content marketing prevedono la creazione e l’utilizzi costante di un contenuto per poter generare contatti, vendite ed aumentare il proprio brand awarness. Anche qui dovremmo aprire un capito a parte, ma ci limitiamo alla definizione più semplice del termine.

 

  • CALL TO ACTION: in italiano significa chiamata all’azione. Viene indicato quando, all’interno di un sito web, un annuncio pubblicitario o qualsia forma digitale di promozione, viene inserita la “chiamata all’azione” da parte dell’utente per procedere con l’azione che desideriamo. Esempio: inseriamo il pulsante per far acquistare un prodotto o servizio oppure vogliamo far scaricare un omaggio gratuito. La chiamata all’azione serve per far “concludere” un’azione all’utente e portarlo dove desideri.

 

  • CONVERSIONE: l’azione eseguita dall’utente. Può essere un acquisto, un download gratuito o qualsiasi tipo di azione che desideriamo l’utente svolga.

 

  • CLICK THROUGH RATE (sigla:ctr): tasso utilizzato per misurare l’efficacia di una campagna pubblicitaria.

 

  • COST PER ACQUISITION – cost per action (CPA): tasso utilizzato per misurare l’efficacia di una campagna pubblicitaria. Indica il costo per una determinata azione da parte di un utente. Può trattarsi di un acquisto o di un click. Nel settore delle affiliazioni viene attribuito al metodo di pagamento verso una determinata azione dell’utente, stabilito dall’azienda. Lavorare con affiliazioni in cpa significa guadagnare in base all’azione dell’utente che l’azienda vuole. Se l’azienda indica come CPA lo scaricamento gratuito e l’iscrizione su una app, tu verrai pagato ogni volta che un’utente farà quell’azione.

 

  • COST PER CLICK (CPC) : indica il costo per ogni singolo click ricevuto sull’annuncio pubblicitario. Utilizzato nelle forme di Pay Per Click (PPC), ovvero forme pubblicitarie a pagamento, per farti comprendere quanto ti costa un click di ogni utente.

 

  • COST PER IMPRESSION (CPM): costo per mille impressioni, ovvero quanto l’inserzionista paga per ogni mille impressioni ricevute.

 

  • COST PER LEAD (CPL): indica il costo da parte dell’inserzionista di una specifica azione, intesa come un’iscrizione alla newsletter, ad esempio.

 

  • COST PER SALE (CPS): parliamo di costo per vendita quanto dobbiamo indicare il costo per una vendita generata, attraverso la pubblicità.

Termini con la lettera D:

  • DIGITAL MARKETING: parliamo di digital marketing quando indichiamo una serie di attività (prodotti, servizi o qualsiasi tipo di business) promosse attraverso i canali digitali.

 

  • DOMINIO: da wikipedia la seguente informazione “Un nome di dominio, in informatica, è costituito da una serie di stringhe separate da punti, che identifica il dominio dell’autonomia amministrativa, dell’autorità o del controllo all’interno di internet. I nomi di dominio sono formati dalle regole e dalle procedure del Domain Name System (DNS). Qualsiasi nome registrato nel DNS (ad esempio it.wikipedia.org) è un nome di dominio. Essi vengono utilizzati in diversi contesti di rete e in ambito specifico per la denominazione o l’indirizzamento.

 

  • DISPLAY ADVERTISIG: pubblicità creata attraverso i formati come banner, pop up, etc… solitamente sono spazi acquistati all’interno di siti web.

 

  • DIRECT MARKETING: detto anche marketing a risposta diretta. E’ un tipo di comunicazione rivolta ad un target ben specifico, con rapporti, spesso, uno a uno e senza nessun intermediario. Comprende l’email marketing (mezzo efficace per personalizzare il contenuto), la vendita diretta e altri modi di approcciare ad un tipo di clientela ben specifico.

Termini con la lettera E:

  • E-COMMERCE: insieme di attività di vendita e acquisto attraverso il web. L’imprenditore che decide di aprire un e-commerce sta facendo commercio elettronico utilizzando un sito web apposito, dove vengono inseriti i prodotti e acquistati grazie ad un carrello.

 

  • EMAIL MARKETING: promozione di prodotti e servizi (o comunicazioni generiche) attraverso la posta elettronica. Si utilizzano servizi appositi per inviare email in modo massivo, come Getresponse o Aweber.

Termini con la lettera F:

  • FEED: un feed è una sequenza di contenuti che può essere consultata scorrendo la pagina. I contenuti vengono pubblicati in blocchi dall’aspetto simile che si ripetono uno dopo l’altro. Ad esempio un feed può essere redazionale (ad es. un elenco di articoli o notizie) o costituito da schede (ad es. un elenco di prodotti, servizi e così via). I feed possono essere visualizzati ovunque sulla pagina. (fonte: guida di google adsense).

 

  • FORUM: luogo digitale dove le persone discutono di un argomento dello stesso interesse.

 

  • FIDELIZZAZIONI CLIENTI: parliamo di fidelizzazioni clienti (o fedeltà dei clienti) quando lo scopo di un’azienda di dirige verso il mantenimento del cliente, avendo così vendite ripetute.

 

  • FOLLOW UP: in termini di marketing, definiamo il follow up come una serie di azioni consecutive per “convincere” un utente ad acquistare il nostro prodotto. Viene utilizzato nell’email marketing, dove, il follow up rappresenta una serie di email automatiche e programmate che vengono inviate a chi non è diventato cliente. L’obiettivo è quello di educare, informare e trasformare un utente in cliente.

Termini con la lettera G:

  • GOOGLE SEARCH CONSOLE: servizio offerto da Google per aiutarti a gestire l’indicizzazione ed il traffico del tuo sito web.

 

  • GROWTH HACKING: si tratta di un’attività legata sempre al web marketing ma un growth hacker si occupa di trovare strategie iinovative utilizzando i diversi canali online, puntando maggiormente a strategie a basso costo.

Termini con la lettera H:

  • HASHTAG: un hashtag è un tipo di etichetta utilizzato su alcuni servizi web e social network come aggregatore tematico, la sua funzione è di rendere più facile per gli utenti trovare messaggi su un tema o contenuto specifico. Fonte: Wikipedia

 

  • HEADER: il significato di Header può racchiudere diverse forme. Nel marketing online viene interpretato come “introduzione” di un elemento. Ad esempio, quando viene creata una optin page, per header viene specificata la parte iniziale della pagina.

 

  • HTML: acronimo di Hyper Text Markup Language(linguaggio a marcatori per ipertesti), è il più importante linguaggio di markup per il web. L’HTML non è un linguaggio di programmazione, ma un linguaggio di markup, ossia descrive il contenuto, testuale e non, di una pagina web. Fonte: https://it.wikiversity.org/wiki

 

  • HOSTING: dall’inglese “host”, ospitare, servizio che permette appunto, di “ospitare” tramite un serve le nostre pagine web e di accedervi grazie ad una connessione.

Termini con la lettera I:

  • IMAGE: dall’inglese “immagine”.

 

  • IMPRESSIONS: tradotto in italiano: “impressioni” e ci indica il numero di volte che un nostro annuncio pubblicitario viene visualizzato (abbiamo visto anche prima il costo per mille impressioni, ovvero quanto paghiamo per mille impressioni ricevute).

 

  • INBOUND MARKETING: marketing che punta ad essere trovato dai potenziali clienti grazie ai canali digitali, ad esempio grazie alle parole chiavi o annunci pubblicitari mirati. Sono i clienti che trovano noi, e non il contrario.

 

  • INTERNET MARKETING: parliamo di internet marketing quando vogliamo commercializzare beni o servizi attraverso canali digitali. Con questo termine racchiudiamo tutte le azioni (come l’email marketing) che sono rivolte alla pubblicizzazione di un bene o servizio attraverso il web.

 

  • INDICIZZAZIONE: per indicizzazione si intende l’inserimento di un sito web all’interno dei motori di ricerca. Un’ottima spiegazione la fornisce Wikipedia “Per indicizzazione si intende l’inserimento di un sito web o un blog nel database di un motore di ricerca. L’indicizzazione di un sito internet, in altre parole, è il modo in cui il sito viene acquisito e interpretato dai motori di ricerca e quindi compare nelle loro pagine di risposta alle interrogazioni degli utenti web. Diversa cosa è il posizionamento, che è invece un’azione volta a determinare che un sito compaia in una specifica posizione nelle pagine di risposta dei motori (cioè nelle prime posizioni)”.

Termini con la lettera J:

  • JAVASCRIPT: linguaggio di scripting utilizzato nella programmazione.

 

  • JPEG: acronimo di Joint Photographic Experts Group, è il formato utilizzato per le immagini.

 

  • JOIN VENTURE: nel mondo dell’internet marketing troverai spesso questo termine per specificare collaborazioni con terzi. Parliamo di joint venture quando stringiamo accordi con altre persone per fare business.

Termini con la lettera K:

  • KEYWORD: in italiano viene tradotto con “parola chiave” e si tratta di parole specifiche utilizzate dagli utenti all’interno dei motori di ricerca per ricercare determinati argomenti online.

Termini con la lettera L:

  • LANDING PAGE: una landing page, nel mondo del marketing, è una pagina dove l’utente “atterra” dopo un annuncio pubblicitario o simili. Si tratta della “prima pagina” che l’utente vede dopo aver cliccato un annuncio per andare sul tuo sito web.

 

  • LOCAL BUSINESS: in italiano, business locale, per definire un’attività locale, come un ristorante in una determinata città, un negozio, etc..

 

  • LINK BUILDING: strategia utilizzata nella SEO per apportare maggiore valore di un sito web inserendo il link del sito stesso in diversi altri siti. Esempio: se il mio sito ha contenuti interessanti e gli altri siti web inerenti al mio lo trovano utile, inseriscono il mio link nei loro articoli, così avrò molti link che indirizzano al mio sito web. Ci sono diverse strategie di link bulding e molti creano backlink in modo da indicizzare al meglio il proprio sito all’interno dei motori di ricerca come Google, dato che questo prende in considerazioni diversi fattori quando valuta l’importanza di un sito web. In parole povere, inseriamo il nostro link all’interno di altri siti web (pagando, creando collaborazioni o di loro spontanea volontà).

 

  • LONG TAIL KEYWORDS: potremmo definire, parole povere, una frase con termini maggiori a quattro per parlare di long tail keywords (“a coda lunga”). Le keywords, ovvero le parole chiavi, sono fondamentali per essere trovati da chi fa una determinata ricerca e creando più parole chiavi (più termini) si crea una long tail keyword, che ha come obiettivo quello di essere maggiormente in nicchia rispetto a delle short tail keywords (a “cosa corta”).

 

  • LEAD GENERATION: azione di marketing finalizzata all’acquisizione di un contatto interessato alla nostra proposta, quindi un potenziale cliente.

Termini con la lettera M:

  • MARKETING AUTOMATION: software che permette di automatizzare alcune azioni che riguardano il marketing stesso. Può comprendere l’email marketing, la lead generation, il CRM, etc..

 

  • MOBILE MARKETING: parliamo di mobile marketing quando le nostre strategie raggiungono un tipo di pubblico in modo mirato a dispositivi mobili, come ad esempio il telefono o tablet. Se facciamo una campagna pubblicitaria per mobile avremo risultati differenti e dovremo avere un sito web (o qualsiasi altro tipo di pagine) ottimizzate per questo tipo di dispositivi.

 

  • META TAGS: I meta tag sono metadati utilizzabili nell’HTML per veicolare informazioni aggiuntive correlate alla pagina web che ne fa uso.

Termini con la lettera N:

  • NEWSLETTER: aggiornamento di genere informativo su vari fronti in base al settore in cui si opera a chi è iscritto alla lista dati, che viene inviato tramite email in forma massiva attraverso un servizio di autoresponder (vedi sopra, lettera A).

 

  • NEUROMARKETING: il neuromarketing è una branca di riferimento della cosiddetta neuroeconomia e indica una recente disciplina volta all’individuazione di canali di comunicazione più diretti ai processi decisionali d’acquisto, mediante l’utilizzo di metodologie legate alle scoperte delle neuroscienze. È una disciplina che fonde il marketing tradizionale (economia) con neurologia (medicina) e psicologia (scienze comportamentali) e si prefigge di illustrare ciò che accade nel cervello delle persone in risposta ad alcuni stimoli relativi a prodotti, marche o pubblicità con l’obiettivo di determinare le strategie che spingono all’acquisto. Fonte: Wikipedia.

Termini con la lettera O:

  • OPT-IN PAGE: pagina per “catturare” il contatto dell’utente che la visita, richiedendo i dati, come email, telefono, etc… Questa pagina, solitamente breve, ha lo scopo di dare un valore gratuito a chi la visita in cambio dei dati (email, telefono, indirizzo, etc..) per poter poi continuare a rapportarsi con l’utente e non perderlo.

 

  • OUTBOUND LINKS: link in uscita verso altri siti web

 

  • OPEN RATE: l’open rate indica il tasso di apertura delle email inviate sul totale. Se invio, ad esempio, 100 email e l’open rate è del 10%, vuol dire che 10 persone hanno aperto l’email che abbiamo inviato.

 

  • OPT-IN RATE: indica la percentuale di iscrizioni alla nostra optin page. Se abbiamo 100 visitatori sulla nostra optin page e l’optin rate è del 50%, abbiamo avuto 50 iscritti alla nostra mailing list.

 

  • OTTIMIZZAZIONE: azione rivolta a migliorare un determinato elemento. Si può ottimizzare ad esempio una optin page per migliorare l’optin rate.

Termini con la lettera P:

  • PAGERANK: abbreviato “PR”, si tratta di un algoritmo di Google che assegna un valore numerico (da 0 a 10) ad ogni pagina del web per valutare la sua importanza.

 

  • PAY PER CLICK: abbreviato “PPC” e si tratta di una forma pubblicitaria a pagamento, dove l’inserzionista paga per ogni click ricevuto.

 

  • PAid advertising: pubblicità a pagamento, contraria alla forma “free advertising” ovvero pubblicità gratuita.

 

  • PREMIER GOOGLE PARTNER: certificato che viene assegnato alle aziende, da parte di Google, dopo aver passato diversi requisiti che dimostrano la competenza con Google Adwords.

 

  • POSIZIONAMENTO: con il termine posizionamento si hanno diversi significati. Parlando di motori di ricerca, si indica il posizionamento all’interno di essi. Si può parlare di posizionamento anche in termini di brand, ad esempio.

 

  • PLUGIN: programma aggiuntivo che estende le funzionalità di un altro programma. Ad esempio, quando si installa un plugin all’interno del proprio blog, si estende una funzionalità di esso e si aggiunge una nuova funziona al blog stesso.

Termini con la lettera Q:

  • QUALITY SCORE: valore assegnato da Google per le keywords pubblicizzate ed indica che valore ha quella determinata parola chiave. Viene assegnato in base a diversi fattori, come rilevanza annuncio – sito web.

 

  • QUERY: richiesta di informazioni fatta su di un motore di ricerca per effettuare ricerche di informazioni.

Termini con la lettera R:

  • RANKING: nel posizionamento si tratta della posizione che il motore di ricerca attribuisce ad un sito web.

 

  • REMARKETING/RETARGETING: viene utilizzato nella pubblicità a pagamento e permette di mostrare i propri annunci pubblicitari ad un pubblico già esistente e salvato tramite pixel (o lista dati). Se il nostro sito riceve delle visite ma non queste non si trasformano in vendite, si può fare retargeting a chi non ha acquistato e così mostrare loro l’annuncio nuovamente del prodotto che non hanno acquistato.

 

  • RETURN ON INVESTMENT (ROI): indicatore per misurare quanto è il ritorno sull’investimento che abbiamo fatto in una determinata azione (come ad esempio per una campagna pubblicitaria. Investimento e ritorno economico su questo).

 

  • Return on asset (ROA): a differenza del ROI, questo termine indica la redditività su di un capitale investito o un’azione svolta.

Termini con la lettera S:

  • SEARCH ENGINE RESULTS PAGE (SERP): la traduzione è “pagina dei risultati dei motori di ricerca”. Ogni volta che l’utente effettua una ricerca, questo ha dei risultati nella pagina, partendo da annunci sponsorizzati (in alto).

 

  • SEARCH ENGINE OPTIMIZATION (SEO): attività svolta con l’obiettivo di posizionare in modo ottimale il proprio sito nei motori di ricerca (le posizioni sotto gli annunci sponsorizzati). La SEO indica quindi una serie di azioni rivolta al posizionamento del proprio sito web nei primi risultati di un motore di ricerca. Questo genera traffico qualificato e gratuito.

 

  • SEARCH ENGINE MARKETING (SEM): ramo del web marketing applicato ai motori di ricerca, che punta all’indirizzamento degli utenti al sito web promosso. Tra le attività ci sono: SEO, link building, etc..

 

  • SOCIAL MEDIA MARKETING (SMM): attività di marketing applicato ai social network (spiegato in modo semplice).

 

  • SPAM: messaggio pubblicitario non richiesto. Quando si riceve un’email pubblicitaria, ad esempio, da parte di un’azienda che non ha mai avuto nessun nostro consenso all’invio di questa, parliamo di spam. Può essere fatto in qualsiasi modo ed in qualsiasi forma di comunicazione, anche se maggiormente viene svolto tramite email o anche chiamate indesiderate.

 

  • SPIDER: lo spider ha lo scopo di scandagliare le pagine dei siti web per poter creare una copia, così da permettere ai motori di ricerca di indicizzare meglio il sito.

Termini con la lettera T:

  • TAGS: parola o frase utilizzata per descrivere un articolo di un blog, un’immagine o un video. Questo permette agli utenti di trovare facilmente i contenuti e ai contenuti di essere indicizzati al meglio.

 

  • TARGET: nell’internet marketing viene utilizzato per categorizzare un pubblico. Capire il proprio target equivale a comprendere a chi rivolgere la propria comunicazione (donne, uomini, età, interessi, etc..)

 

  • TRACKING CODE: codice utilizzato per tracciare determinate azioni. Il codice contiene l’url da tra tracciare così ci permetterà di capire come sta andando una determinata campagna.

Termini con la lettera U:

  • URL: acronimo di “Uniform Resource Locator”, è l’indirizzo di una determinata pagina web, immagine o video. Attraverso l’url l’utente trova facilmente quel contenuto.

 

  • UNIQUE VALUE PROPOSITION (UVP) : in italiano “proposta unica di valore” e permette agli utenti di capire chi è l’azienda e perché sceglierla. In breve, si tratta di un messaggio chiaro e definito che permette all’utente di capire perché quella determinata azienda è migliore rispetto alle altre e perché dovrebbe scegliere quel prodotto.

 

  • USER EXPERIENCE: si tratta dell’esperienza dell’utente, che può essere su di un sito web o dell’intero processo di vendita. L’esperienza dell’utente racchiude tutto ciò che quella persona prova quando si affaccia a quell’azienda e al prodotto (emozioni, sensazioni, intuito, etc..).

Termini con la lettera V:

  • VIRAL MARKETING: azione di marketing incentrata sulla condivisione, da parte degli utenti, di un contenuto video, immagine o testo. In questo modo si ottiene traffico gratuito dato, appunto, dalla condivisione degli utenti così da far diventare virale un contenuto.

 

  • VLOG: abbreviazione di video blog, tratta appunto l’utilizzo di un blog con contenuti maggiormente in formato video.

Termini con la lettera W:

  • WEB MARKETING: azioni di marketing incentrate sull’utilizzo del web.

 

  • WEBINAR: detto anche “web seminar” si tratta di seminari online creati attraverso apposite piattaforme, con la possibilità di mostrare slide e spiegare dettagliatamente l’argomento. A differenza del seminario offline, grazie al webinar le persone interessate possono connettersi da ogni parte del mondo senza spostarsi (grazie ad internet) e partecipare senza alcun problema.

 

  • WORDPRESS: piattaforma che permette di gestire con estrema semplicità un blog o un sito. Si tratta di un vero e proprio CSM (content management system) e permette di creare blog e siti senza aver conoscenze particolarmente tecniche.

Termini con la lettera X:

  • XML: acronimo di “Extensible Markup Language”. Da wikipedia: In informatica XML è un metalinguaggio per la definizione di linguaggi di markup, ovvero un linguaggio marcatore basato su un meccanismo sintattico che consente di definire e controllare il significato degli elementi contenuti in un documento o in un testo.

Termini con la lettera Y:

  • YOUTUBE: social network che permette il caricamento e la diffusione di video.

 

  • YOAST SEO: plugin per la piattaforma WordPress, permette l’ottimizzazione di un blog o sito web utilizzando la SEO.

Termini con la lettera Z:

  • ZMOT: abbreviazione di “Zero Moment Of Truth”, traduzione: momento zero della verità. Nome che Google ha deciso di dare al momento importantissimo di un utente nel quale è impegnato nella ricerca di informazioni su prodotti e servizi di una determinata azienda (o aziende). Con questo si intende il momento in cui l’utente interagisce con le informazioni che l’azienda offre (esempio: chiamare per avere maggiori informazioni) ed in quel momento inizia un processo di acquisto.

Se hai altri termini da suggerire, lascia un commento e verranno aggiunti a questi esistenti con il loro relativo significato.

Mi farebbe molto piacere se tu condividessi l’articolo se lo hai trovato utile, per te forse ha poco valore ma per me, credimi, non è così :-).

Un abbraccio,

SARA IANNONE

Facebook Comments

About the author

: Sono una ragazza che non si è mai accontentata "del normale". Sapevo che potevo realizzare cose diverse così mi sono buttata nell'internet marketing. Ho stravolto il mio mondo interiore cambiando pensiero e raggiungendo traguardi che per alcuni erano impossibili.

0 Comments

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Lascia un commento